Piano dell'Offerta Formativa

generale scuola superiore 2017


Riferimento normativo


DPR 275/1999 Regolamento di autonomia delle istituzioni scolastiche


Art. 3 “Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia”

 

...un po' della nostra storia...

 

Anticipare il futuro: questa, in sintesi, è la formula che ha caratterizzato, nel corso degli ultimisessant’anni, il metodo d'insegnamento dell'Istituto Europeo Leopardi.

 

Fondato nel 1947, l'Istituto si è subito qualificato come scuola privata di ottimo livello e punto di riferimento per le proposte educative che rispondevano e anticipavano le esigenze di una cultura moderna.

 

Per alcuni anni la sede dell'Istituto è stata presso l'edificio adiacente alla Basilica di Sant'Ambrogio, e la scuola si è dedicata ai corsi di recupero anni per gli studenti in difficoltà nella scuola dell'obbligo, contribuendo così ad una riduzione dell'annoso problema della dispersione scolastica.

 

Negli anni Sessanta l'Istituto avvia i corsi di studio di scuola superiore: ragioneria e liceo linguistico. Nello stesso periodo si preparano i programmi per lo sviluppo della nuova scuola elementare e per il riconoscimento legale.

 

Scuola Media, Ragioneria, Liceo Linguistico divengono, nei primi anni Settanta, corsi principali per offrire un servizio scolastico formativo di qualità, sia dal punto di vista educativo sia di preparazione.

 

Negli anni ottanta si completa la proposta didattica. L'istituto inizia l'elaborazione di progetti innovativi per rendere l'offerta educativa sempre più rispondente alle esigenze di una società in continua e rapida evoluzione. Nasce così, unica nel suo genere, la Scuola Elementare Bilingue italiano-inglese innestata sui programmi della scuola italiana, che ottiene il riconoscimento ministeriale della parifica.

La scuola diviene sede d'esame e tutti i corsi sono legalmente riconosciuti.

 

A partire dal 1990 l'Istituto, in anticipo sui tempi, rinnova in chiave europea alcuni progetti formativi e avvia l'introduzione della Scuola Media Multilingue (due lingue straniere) e del Liceo Europeo Linguistico, che è andato gradualmente a sostituire il liceo linguistico tradizionale. Negli ultimi anni è stato istituito nella nostra realtà scolastica il Liceo Scientifico che ha confermato il successo di un metodo nell’educazione didattica liceale; a questo si è aggiunto il Liceo Socio-Psicopedagogico, ora Liceo delle Scienze umane nella sede distaccata.

 

Nel dicembre 2000 per la scuola media inferiore e superiore e, nel gennaio 2001, per la scuola elementare, il Ministero ha riconosciuto a tutti i nostri corsi la qualifica di “paritari”, con nostra grande soddisfazione per essere stati inseriti nel primo elenco dei riconoscimenti concessi.

 

Nel mese di agosto 2003 l’Istituto ha ottenuto la certificazione di Qualità ISO 9001, rilasciata dall’ente SGS.

 

Dal settembre 2005 l’Istituto ha aperto una nuova sede (in via Arena 13) dedicata alla prima fascia di scolarizzazione nella quale, oltre a svolgersi l’attività della Scuola dell’Infanzia, sono state trasferite la Scuola Primaria (elementare) e Secondaria di primo grado (media).

 

Dopo un lavoro preparatorio durato molti mesi del 2013, con settembre 2014, si avviano una serie di progetti tendenti a rafforzare l’apprendimento della lingua inglese a partire dalla Scuola dell’Infanzia  con un progetto chiamato Natural Learning English che prevede la presenza di una educatrice madrelingua per il 50% del tempo scuola e dalla Scuola Primaria con un progetto chiamato Strengthening of learning English project con un potenziamento della lingua inglese, compreso una disciplina in lingua, con 9 ore settimanali di insegnamento.

 

Dal settembre 2015 si avvia l’istituzione del Liceo Scientifico ad Indirizzo Sportivo, di una classe di Scuola secondaria di I grado di 30 ore settimanali, mantenendo anche la proposta di 40 ore, il processo di internazionalizzazione del Liceo Europeo e la positiva sperimentazione innovativa con la classe 3.0 nel Liceo delle Scienze Umane, sperimentazione proseguita nelle classi successive ed avviata, nell’anno 2016, anche con la classe 1° del Liceo Scientifico.

 

Dal settembre 2016 il Liceo scientifico si insedia nella sede di Via Arena e il Liceo delle Scienze Umane viene trasferito nella sede di Via del Carroccio, con la conseguente chiusura della sede di Via Crespi per ciò che concerne le aule, ma non per la palestra che rimarrà attiva e di servizio ai diversi ordini di studi.

 

Dal giugno 2017, frutto di anni di attenzione all’impostazione dello studio delle lingue straniere con il metodo internazionale e l’avvio, con risultati concreti del processo di internazionalizzazione degli studi presso il nostro Istituto, abbiamo ottenuto l’accreditamento di Cambridge Internazional School”.

 
Mission

 

Chi siamo

 

Siamo una scuola laica ad indirizzo cattolico con lunga tradizione nell’attività educativa e formativa dei giovani nel loro completo iter scolastico. Una scuola aperta all’innovazione, pur ancorata ad una forte tradizione culturale, attenta ai problemi di ognuno, pronta all’ascolto, basata sul dialogo. Una scuola che si fonda sui principi di: libertà d’insegnamento, primato della persona, solidarietà, senso civico e sociale, trasmissione di competenze adeguate alle richieste della società di oggi.

 

 

Cosa offriamo

 

Una valida formazione umana, civica e culturale attraverso:

 

-                Organizzazione per l’acquisizione di un corretto metodo di studio

 

-                programmazione didattica che permette di raggiungere buoni livelli di preparazione

 

-                percorsi didattici strutturati in modo anche personalizzato che mettono ogni studente nelle condizioni di poter raggiungere il livello di preparazione adeguato ad affrontare positivamente gli anni successivi

 

-                iniziative finalizzate alla conoscenza di sé e al rispetto degli altri

 

-                attenzione alle problematiche delle diverse età e iniziative di aiuto alla loro soluzione

 

-                attività extracurricolari tendenti ad un approfondimento culturale e all’acquisizione della capacità di orientarsi per le scelte successive ad ogni ciclo di studi.

 

La tabella dei servizi offerti (pag. 11) aiuterà ad avere un panorama completo.

 

 

In cosa ci differenziamo

 

1.                Nell’offerta di un ambiente in cui lo studente si senta a suo agio, soprattutto nei momenti di difficoltà, nella consapevolezza che non sarà lasciato solo alla ricerca di una soluzione, ma troverà al suo fianco i suoi insegnanti disponibili ad essergli da guida ed incoraggiamento.

 

2.                Nell’attenzione alla realizzazione di un programma didattico che tenga conto degli interessi degli studenti, anche in itinere e che lo integri con iniziative atte a stimolarne gli interessi culturali.

 

3.                Nella programmazione specifica delle ore di supplenza affinché ogni tempo scolastico sia un proficuo momento d’apprendimento.

 

4.                Nell’attenzione a fornire un’istruzione in linea con la dimensione europea, fondata innanzitutto sulla padronanza delle lingue straniere e degli strumenti informatici, offrendo anche la possibilità di ottenere certificazioni linguistiche riconosciute ed il patentino informatico europeo con una preparazione in orario curricolare.


 

Collocazione nel territorio

 

L’Istituto ha la sede centrale nel centro di Milano, in zona 1, in Via del Carroccio 9 ed è ben servito dai mezzi pubblici:

 

·                metropolitana (linea 2 - fermata S. Ambrogio o S. Agostino)

·                autobus (n.: 47, 50, 58, 59, 68, 74, 94)

·                tram (n.: 1, 2, 3, 14, 16, 19, 27)

·                stazione Ferrovie Nord (Cadorna), stazione di Porta Genova

 

In questa sede sono presenti diversi ordini di studi:

- Liceo Europeo (giuridico/economico e linguistico moderno)

- Istituto Tecnico Settore Economico indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

-Liceo delle Scienze Umane.

 

 

Inoltre l’Istituto dispone, sempre in Milano, di due sedi distaccate (in prossimità della sede principale):

 

in Via Arena 13: sede della

- Scuola dell’Infanzia

- Scuola Primaria

- Scuola Secondaria di primo grado

- Liceo Scientifico (di ordinamento ed indirizzo sportivo)

 

Mezzi pubblici:

·         autobus n.94

·         tram n. 3

 

in Via Daniele Crespi, 9: sede

-          Palestra.


Certificazione di Qualità

 

ISO9001

 

Il nostro Istituto ha voluto distinguersi anche in questo campo inserendosi nel numero di scuole che possono vantare questo riconoscimento che rappresenta un ulteriore canale d'accesso ai programmi europei ed all’accreditamento regionale.

La certificazione di qualità offre una garanzia in più di ottimizzazione del servizio all'utente, cioè allo studente e alle famiglie e stimola tutti gli operatori della scuola a ricercare un miglioramento nel servizio offerto.

La Certificazione di Qualità ISO 9001/UNI EN ISO 9001 - Ed. 2008“per l’erogazione di servizi di istruzione scolastica elementare, media e superiore”, rilasciato dall’ente certificatore SGS - SINCERT, ottenuta nel luglio 2003 e confermata ogni anno, è frutto dell’impegno di numerosi docenti e delle presidenze che, suddivisi in gruppi, si sono alternati nella frequenza di corsi preparatori ed hanno collaborato alla stesura delle diverse “procedure di qualità" relative ai vari ambiti e servizi che permettono una puntuale verifica ed autocorrezione, a garanzia della qualità offerta.

Il documento base, in cui viene presentata la Politica della Qualità del nostro Istituto, qui sotto riportata, e dove viene descritto il Sistema di gestione per la Qualità, è il Manuale della Qualità, un documento che inquadra l’insieme delle attività svolte e nel quale sono definite l’organizzazione e le aree nell’ambito delle quali si applica il Sistema di gestione della Qualità.

Il Manuale della Qualità è a disposizione di tutto il personale, ma è anche visionabile, a richiesta, dalle famiglie.

 

POLITICA PER LA QUALITA’

 

L’Istituto Leopardi interpreta la Qualità come strumento utile per sviluppare strategie globali attraverso un costante contributo innovativo di idee e programmi; in tale contesto mira a migliorare le proprie prestazioni ponendosi traguardi sempre più ambiziosi in termini di Qualità, servizio, rilievo sociale, il tutto nel rispetto del fine generale del sistema scolastico Italiano:

 

IL CONSEGUIMENTO DELLO SVILUPPO ARMONICO DELLA PERSONALITA’ DELLO STUDENTE

 

La Politica della Qualità dell’Istituto Leopardi è suddivisa in tre punti:

·                          obiettivi

·                          strumenti operativi

·                          strumenti di controllo

 

OBIETTIVI

 

L’Istituto Leopardi intende essere, per gli studenti, per le loro famiglie e per tutte le parti interessate, un punto di riferimento qualificato per l’individuazione dei bisogni formativi in funzione dell’evoluzione del mercato e per la conseguente attuazione delle attività didattiche. Per conseguire tali finalità la gestione delle attività dell’Istituto viene attuata applicando il Sistema di Gestione per la Qualità.

Il Sistema si realizza con azioni organizzative e tecniche, applicate in modo sistematico, pianificato e documentato, aventi i seguenti obiettivi:

·ottenere la soddisfazione del cliente attraverso il monitoraggio costante del servizio offerto, rilevato mediante appositi moduli di valutazione;

·ottimizzare il binomio costi-benefici per operare competitivamente sul mercato;

·realizzare servizi di formazione caratterizzati da:

-          disponibilità di aiuto agli studenti, attraverso la costruzione di un rapporto personale;

-          introduzione e mantenimento di stimoli orientati verso obiettivi dinamici di miglioramento del servizio;

-          attenzione agli aspetti sociali;

·conduzione del processo formativo nel rispetto dei regolamenti emessi dagli Organi superiori.

 


Strumenti operativi

 

 

Allo scopo di raggiungere gli obiettivi prefissati vengono adottate misure atte a:

 

·   razionalizzare la modalità di erogazione del servizio e il flusso delle informazioni, con particolare attenzione all’aggiornamento dei docenti di prima nomina;

·   pianificare particolarmente le seguenti attività:

individuazione dei bisogni formativi, progettazione dell’intervento, reperimento risorse (interne ed esterne), miglioramento e/o riprogettazione;

·   motivare e sensibilizzare il personale in merito a:

obiettivi di qualità dell’Istituto, rispetto dei ruoli loro assegnati, rispetto delle procedure e istruzioni di lavoro, applicazione delle prescrizioni dell’Assicurazione Qualità.

 

Strumenti di controllo

 

 

L’Assicuratore della Qualità, allo scopo di verificare l’efficacia del sistema medesimo, dispone dei seguenti sistemi di controllo:

 

·   verifiche ispettive interne sul sistema e sulle modalità di erogazione del servizio;

·   verifiche ispettive esterne da parte dell’Ente di Certificazione e/o da Enti autorizzati su sistemi e processi.

·   Monitoraggio dei processi attraverso l’analisi degli indicatori.

 


SERVIZIO SICUREZZA

 

Obiettivo: offrire informazioni necessarie e utili circa le norme generali di sicurezza nell’ambito scolastico.

 

1           CONDIZIONI AMBIENTALI

-          L’ambiente scolastico deve essere pulito, accogliente e sicuro.

-          Le condizioni d’igiene e sicurezza dei locali e dei servizi devono garantire una permanenza a scuola confortevole per gli alunni e per il personale.

-          Il personale ausiliario deve adoperarsi per garantire la costante igiene dei servizi.

-          La scuola s’impegna in particolare a garantire la sicurezza degli alunni.

 

2           NORME GENERALI DI SICUREZZA

Il decreto legislativo n. 626/94 ha introdotto nel quadro della normativa italiana importanti novità concernenti la sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori, fra le quali possono essere considerate più significative:

 

-          l'individuazione delle misure di prevenzione necessarie e programma di attuazione delle misure stesse;

-          l'intervento attivo, responsabile ed integrato di tutti i soggetti interessati alla sicurezza, coinvolgente i lavoratori e/o i loro rappresentanti, a partire dalla individuazione delle situazioni di rischio fino alla scelta delle soluzioni per prevenirle e/o ridurle;

-          la predisposizione di un programma d’informazione e formazione dei lavoratori, atto a realizzare una maggiore consapevolezza nell'affrontare le situazioni di rischio;

-          la valutazione preventiva dei rischi e la loro eliminazione o riduzione, sulla scorta delle più aggiornate conoscenze tecniche;

-          la priorità nell'adozione di misure collettive rispetto a quelle individuali;

-          la regolare manutenzione e pulizia degli ambienti;

-          esercitazioni di evacuazione (una nel trimestre e una nel pentamestre ) come prescritto dal D.M.10 marzo 1998 (legge 54).


 

Risorse strumentali

 

 

1.             Biblioteca con n. 3.500 volumi

2.             Laboratorio di scienze, fisica e chimica per 28 utenti

3.             Laboratorio di informatica per 28 utenti in sede Carroccio

4.             Laboratorio di informatica per 24 utenti in sede Arena

5.             2 aule multimediali con possibilità di videoconferenze

6.             Utilizzo iPad e libri digitali in tutte le classi

7.             Sito Internet

8.             Laboratorio linguistico multimediale per 28 utenti

9.             Videoteca con 400 filmati

10.         Aula di disegno

11.         Tutte le Aule attrezzate con lavagne multimediali LIM

12.         Sedi cablate per utilizzo internet e registro elettronico

13.         Palestre interne

14.         Palestre esterne

15.         Spazio giochi attrezzato e campo calcio a 5

16.         Refezione con cucina interna


Mappa dei servizi offerti

 

Strumentali

 

Portineria

 

Iscrizioni

 

Amministrazione

 

Segreteria Amministrativa

 

Segreteria Didattica

 

Formazione Orario

 

Formazione Classi

 

Medico Scolastico e del lavoro

 

Pulizia

 

Manutenzione

 

Sicurezza

 

Centrale

 

Attività Didattica

 

 

 

 

 

 

 

Complementari

Accoglienza

 

Refezione

 

Fornitura libri di testo

 

Studio guidato pomeridiano

 

Tutoring

 

Viaggi d’istruzione

 

Scambi culturali

 

Stage all’estero

 

Alternanza scuola-lavoro

 

Stage di lavoro / Stage linguistico

 

Aggiornamento Docenti

 

Iniziative Sportive

 

Corsi di perfezionamento

 

Iniziative di socializzazione

 

Sostegno e recupero a livello di classe

 

Biblioteca

 

Orientamento

 

Approfondimenti culturali con conferenze in collaborazione con esperti

 

Progetto Salute

 

Uscite didattiche

 

Informazione Famiglie

 

Collegamenti in rete

 

Servizio psicopedagogico

 

Lezioni individuali

 

Sostegno individuale

 


PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

 

 

Il D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 ha introdottola necessità di definire, in maniera condivisa, nel rapporto Scuola-Famiglia-Alunni, i diritti ed i doveri che stanno a fondamento del rapporto tra istituzione scolastica, studenti e famiglie per potenziare l’Offerta Formativa della Scuola e permettere agli alunni di realizzare pienamente l’apprendimento.

 

La famiglia dello studente, lo stesso studente e la Scuola sottoscrivono

il seguente Patto educativo di Corresponsabilità

“Per una efficace alleanza educativa” con il quale:

 

LA SCUOLA SI IMPEGNA A:

 

  • fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralità delle idee, nel rispetto dell’identità di ciascuno studente;
  • offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, creando un clima scolastico positivo ed accogliente, fondato sul dialogo e sul rispetto reciproco, valorizzando il processo di formazione e realizzazione di ciascuno studente, nel rispetto delle sue potenzialità individuali di apprendimento;
  • favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza e di integrazione degli studenti stranieri, incoraggiaregli alunni ad apprezzarsi e valorizzarsi reciprocamente;
  • stimolare riflessioni ed attivare percorsi volti al benessere ed alla tutela della salute e della sicurezza degli studenti;
  • garantire la massima trasparenza nelle valutazioni e nelle comunicazioni mantenendo un costante rapporto con le famiglie, nel rispetto della privacy;
  • contattare la famiglia in caso di problemi relativi a frequenza scolastica, puntualità, profitto, comportamento, in modo da poter intervenire in sinergia all’insorgere di difficoltà o eventuali problemi.

 

 

 

 

L’ALUNNO SI IMPEGNA A:

 

  • conoscere e rispettare le regole stabilite dal Regolamento di Istituto;
  • frequentare la scuola regolarmente e con puntualità, portando sempre con sé il diario, Il libretto delle assenze e tutto il materiale necessario per seguire in modo proficuo le lezioni;
  • svolgere responsabilmente il lavoro assegnato a scuola e a casa;
  • rispettare i compagni, le diversità personali e culturali e tutto il personale della scuola;
  • aiutare i compagni in difficoltà, considerando questa situazione come opportunità di arricchimento e crescita personale;
  • prendere coscienza dei propri diritti-doveri verso la scuola intesa come insieme di persone, ambienti e attrezzature;
  • usare un linguaggio ed un comportamento corretti;
  • indossare un abbigliamento consono ed adeguato all’ambiente;
  • rispettare gli spazi, gli arredi ed i laboratori della scuola, mantenendo l’ambiente pulito ed ordinato;
  • segnalare agli insegnanti o al Preside eventuali situazioni critiche, fenomeni di bullismo o vandalismo che si verificassero nelle classi o nella scuola;
  • impegnarsi a favorire la comunicazione Scuola-Famiglia facendo controfirmare tempestivamente il libretto dei voti, le circolari e le comunicazioni.

 

LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A:

 

  • conoscere le regole stabilite dal Regolamento di Istituto e collaborare educativamente affinchè i figli lo rispettino;
  • collaborare con l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative e didattiche;
  • assicurare la regolare frequenza e la puntualità dei propri figli alle lezioni;
  • controllare l’esecuzione dei compiti assegnati da parte dei propri figli;
  • partecipare ai momenti di incontro Scuola-Famiglia;
  • giustificare sempre le assenze ed i ritardi dello studente utilizzando l’apposito libretto;
  • firmare puntualmente per presa visione le comunicazioni inviate a casa dalla scuola e controllare con regolarità le valutazioni e le assenze registrate on line, oltre al libretto dei voti – che devono essere regolarmente firmati -  e delle comunicazioni ;
  • presentare ai propri figli il patto educativo sottoscritto con l'Istituzione scolastica e condividerlo con loro;
  • informare la scuola in caso di problematiche che possano incidere sull’andamento scolasticodello studente;
  • accertarsi che il proprio figlio abbia sempre atteggiamenti di rispetto, di collaborazione e di attenzione nei confronti dei compagni, dei docenti e di tutto il personale della scuola.

 

Il Dirigente Scolastico

_____________________________________________

 

Da restituire firmata all'atto dell'iscrizioneo al Coordinatore di classe (durante la frequenza).

 

Il Genitore dell’alunno __________________________ della classe ________, presa visione delle regole che la Scuola ritiene fondamentali per una corretta convivenza civile, SOTTOSCRIVE, condividendone gli obiettivi e gli impegni, il presente Patto Educativo di Corresponsabilità.

 

firma_______________________________________

 

L’ alunno __________________________ della classe ________, presa visione delle regole che la Scuola ritiene fondamentali per una corretta convivenza civile, SOTTOSCRIVE, condividendone gli obiettivi e gli impegni, il presente Patto Educativo di Corresponsabilità.

 

firma_________________________________________


Il nostro Patto Formativo

 

Diritti dello studente

 

·         Conoscere gli obiettivi ed i contenuti della programmazione stabilita dal Consiglio di Classe e dal singolo docente

·         Conoscere i criteri generali di valutazione

·         Ricevere una valutazione trasparente e tempestiva delle prove orali e scritte

·         Ricevere aiuto in caso di difficoltà nell’apprendimento delle discipline

·         Disporre del regolamento di Istituto

 

Doveri dello studente

 

Tenere un comportamento rispettoso nei confronti degli insegnanti e del personale della scuola

 

In classe

·           Rispettare l’orario di inizio delle lezioni e limitare le uscite dall’aula durante i cambi dell’ora

·           Presentare con puntualità le giustificazioni per assenze e per ritardi

·           Seguire con attenzione le lezioni e partecipare attivamente all’attività didattica

·         Essere disponibile alla collaborazione con compagni e insegnanti

·         Rispettare l’ambiente scolastico e le sue strutture

·         Portare sempre a scuola il materiale richiesto per la didattica

·         Non usare il cellulare e altri strumenti elettronici che devono essere spenti e non visibili

 

Al di fuori delle ore di lezione

·         Eseguire con impegno e costanza i compiti assegnati

·         Mantenere un comportamento adeguato e controllato in ogni situazione (uscite didattiche, conferenze, viaggi di istruzione, corsi di recupero ecc. ..)

·         Rispettare il Regolamento di Istituto

 


Diritti del docente

 

·         Stabilire modalità e scadenze delle verifiche nel rispetto del numero stabilito dal Collegio Docenti. (È comunque prerogativa dell’insegnante avvalersi di ulteriori verifiche come controllo del percorso di apprendimento)

·         Verificare e valutare l’acquisizione di conoscenze, competenze e abilità secondo la programmazione del Consiglio di Classe

·         Sanzionare i comportamenti scorretti dal punto di vista disciplinare con le modalità previste dal Regolamento di Istituto.

 

Doveri del docente

 

·           Motivare gli allievi allo studio

·           Impostare la didattica in armonia con le decisioni del Consiglio di Classe

·           Aggiornarsi su contenuti e metodologie

·           Rispettare l’orario d’inizio e termine delle lezioni

·           Esplicitare i criteri di valutazione e, in caso di insufficienze, fornire indicazioni allo studente per il recupero

·           Relazionarsi in maniera positiva con gli studenti e con le famiglie

·           Controllare la regolarità della frequenza scolastica e segnalare eventuali problemi al preside.


 

Le nostre scelte educative

 

La scuola non deve trasmettere solo istruzione, ma offrire ai giovani anche le opportunità di formazione più idonee ad affrontare le difficili dinamiche sociali, mantenendo intatti i valori etici

 

Per questo ci identifichiamo in:

 

 

* Una scuola che offre la possibilità di una formazione atta ad inserire i giovani nel complesso mondo di oggi e con questo obiettivo offriamo anche un’efficace attività di ORIENTAMENTO nelle classi conclusive del ciclo di studi. Tale formazione è sostenuta in particolare, come previsto dalla Riforma, con la realizzazione di progetti di alternanza scuola-lavoro durante il 3°, 4° e 5° anno di ogni corso, oltre a stage ed area di progetto in atto ormai da anni per il corso Tecnico Economico/ Amministrazione, Finanaza e Marketing e nel Liceo dellle Scienze Umane.

 

* Una scuola aperta e seria, disponibile all'innovazione, ma anche ancorata ad una forte tradizione culturale; attenta ai problemi di ognuno, pronta all'ascolto, basata sul dialogo.

 

* Una scuola che prepara e che considera importante il livello qualitativo d’apprendimento ed i contenuti culturali trasmessi perché ogni giovane sia un cittadino professionalmente preparato.

 

* Una scuola che sviluppa nei ragazzi responsabilità personale e coscienza sociale.

 

* Una scuola che si basa sul primato della persona eal tempo stessoeduca il giovane ad una dimensione civica affinché diventi un cittadino libero, maturo, responsabile, onesto e con una propria capacità critica. Al fine di accogliere e conoscere ogni studente nella sua individualità, la scuola organizza un servizio di

ACCOGLIENZA (vedi pag. 28).

 

 

Insegnamento della religione

 

L’indirizzo cattolico dell’Istituto prevede l’insegnamento della religione. L’impostazione laica e non confessionale fa sì che questo aspetto sia affrontato con la giusta prospettiva che ne permette la partecipazione anche a chi non sia cattolico. L’insegnamento verterà sostanzialmente sull’etica e sulla cultura religiosa quale completamento indispensabile alla formazione dell’individuo ed allo stesso tempo complementare e sinergico alle diverse discipline previste dal curricolo obbligatorio. Chi, comunque, decidesse per l’esonero, potrà farne richiesta alla Presidenza entro l’inizio dell’anno scolastico.

 


Le nostre scelte didattiche

 

Þ           centralità dell’apprendimento

Þ           successo formativo

Þ           flessibilità

Þ           prevenzione dell’insuccesso

Þ           collaborazione

Þ           innovazione

Þ           qualità

Þ           programmazione per obiettivi

 

1. Centralità dell’apprendimento

Per imparare è necessario saper organizzare le informazioni: occorre quindi chegli studenti sappiano:

·          creare e cogliere analogie

·                utilizzare adeguatamente i libri di testo e l'Pad

·                stabilire quadri di riferimento generali

·                costruire schemi, mappe concettuali e grafici

·                prendere appunti

 

2. Successo formativo

Quando gli studenti sono consapevoli del percorso che devono compiere restano più coinvolti, più motivati e in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati.

 

3. Flessibilità

L’adozione di una didattica flessibile, che si adegua alle situazioni di partenza degli alunni, rende possibile fasi di accoglienza, di recupero, di approfondimento per alcuni.

L’attenzione alle doti individuali di ognuno permette di sviluppare le potenzialità di tutti.

4. Prevenzione dell’insuccesso

Lo studente non ha più di fronte solo l’alternativa promozione o bocciatura perché:

·  le carenze evidenziate possono essere recuperate attraverso i servizi di sostegno alla didattica

·  è possibile facilitare l’inserimento dell’alunno in un altro tipo d’indirizzo all’interno del nostro Istituto

 

5. Collaborazione

Il corpo docente collabora per realizzare il progetto educativo, mantenendo costanti rapporti con le famiglie, con gli studenti e con il Preside.

 

6. Innovazione

L’uso del computer, accanto alle nuove tecniche multimediali, non è solo un sostegno alla didattica, ma può integrare la lezione tradizionale, suscitare il desiderio di ampliare le proprie conoscenze, trasformare il rapporto tra insegnante e alunno.

 

7. Qualità

Il nostro Istituto s’impegna a garantire un insegnamento che risponda ai bisogni degli studenti grazie a:

·                l'innovazione e la sperimentazione

·                le attività di aggiornamento dei docenti

·                le attività extrascolastiche

 

8. Programmazione per obiettivi

L’obiettivo fondamentale è il successo scolastico e formativo.

La definizione dei programmi tiene conto sia dei contenuti fondamentali in relazione alle singole materie, sia della situazione della classe considerando le conoscenze e le capacità degli studenti.

Nel quadro dell’autonomia didattica dell’Istituto paritario Leopardi, gli Insegnanti rivedono collegialmente la programmazione di ogni materia ad inizio d’anno.

I contenuti ed i metodi didattici sono differenziati per biennio e triennio e riassunti in un apposito documento. I contenuti, armonizzati con gli obiettivi educativi e formativi deliberati nei singoli Consigli di Classe, vengono poi riportati in dettaglio, individualmente, da ogni singolo Insegnante nella programmazione di ogni singola materia.

 


 

Servizi di sostegno alla didattica

        

 

STUDIO GUIDATO POMERIDIANO

 

 

TUTORING

 

 

SOSTEGNO E RECUPERO

 

 

INTERVENTI A FAVORE DI ALLIEVI STRANIERI

 

 

USCITE DIDATTICHE

 

 

BIBLIOTECA

 

 

·               Studio guidato pomeridiano

 

È stato creato per far superare agli allievi il passaggio tra la scuola media e la scuola superiore con il minor disagio possibile e per impostare correttamente sia il metodo sia i ritmi di lavoro richiesti dal nuovo corso di studi. Facoltativo, ma consigliato soprattutto per gli studenti del biennio, è strutturato in modo da permettere allo studente di avere l'aiuto desiderato in qualunque materia.

Orario pomeridiano con inizio alle ore 15, sabato escluso.

 

·               Servizio di tutoring

 

È un servizio fornito dai migliori ex allievi particolarmente qualificati che si rendono disponibili a seguire gli studenti che ne fanno richiesta. Permette di avere per un breve o lungo periodo l'assistenza individuale finalizzata ad una corretta impostazione dello studio personale. Attività analoga può essere anche svolta da un docente del Consiglio di Classe per particolari situazioni pedagogiche.

 

·               Attività di sostegno e recupero

 

*                               Sostegno individuale: è predisposto per gli studenti che dovessero trovare difficoltà nell’apprendimento di una o più materie. Attivabile in qualsiasi momento dell’anno scolastico, si svolge in orario extracurricolare ed è tenuto da insegnanti non facenti parte del Consiglio di classe.

*                               Corsi di sostegno e di recupero in itinere: tenuti dagli insegnanti di classe in orario curricolare o extracurricolare per recuperare le situazioni insufficienti. Programma limitato ad alcuni argomenti svolti nel corso dell’anno con lo scopo di colmare le lacune e organizzare il metodo di studio.

Tale attività di sostegno generalmente permette in breve tempo, il rientro in un normale ritmo di lavoro.

*                               Corsi per assolvimento dei debiti formativi: tenuti, di norma, dagli insegnanti di classe al termine dell’anno scolastico, sono volti alla preparazione degli studenti per l’assolvimento del debito formativo.

 

 

Istruzione domiciliare

 

Nel caso dovessero verificarsi situazioni di assenze superiori a 30 giorni a causa di gravi patologie che impediscano la frequenza della scuola, l’istituto prevede un progetto di assistenza didattica, sia nel caso di degenza ospedaliera, sia nel caso di degenza domiciliare, nell’ottica di riconoscere agli studenti malati il diritto-dovere all’istruzione, al fine di proseguire il percorso di apprendimento e facilitarne il successivo reinserimento nella classe.

 

I genitori che dovessero trovarsi in tale situazione potranno richiedere un concorso finanziario al progetto, secondo quanto stabilito dalle recente disposizione dell’Ufficio Scolastico della Regione Lombardia (Prot. N. MIUR AOODRLO 70751 del 28 agosto 2012). Le modalità in dettaglio della procedurasi può reperire nel sito http://www.hshlombardia.it.

I modelli indispensabili da compilare per l’attivazione sono:

-       Modello S – Certificazione sanitaria ospedaliera o dello specialista di struttura pubblica, che attesti la prevedibile assenza delle lezioni per periodi superiori ai 30 giorni, anche senza soluzione di continuità

-       Modello G - Dichiarazione di disponibilità della famiglia dell’alunno a ricevere l’istruzione domiciliare.

 

·   Interventi a favore di allievi stranieri

Secondo normativa vigente la priorità viene data alla comprensione della lingua italiana. L’istruzione individualizzata a favore degli allievi stranieri prevede interventi di recupero, sostegno, studio assistito, secondo programmi elaborati dai docenti delle materie interessate, con verifiche periodiche sui livelli di apprendimento.

 

·   Uscite didattiche

Obiettivi: stimolare l’interesse, rafforzare e consolidare le conoscenze acquisite attraverso il contatto con realtà diverse e con il territorio.

Le uscite didattiche costituiscono una fase importante dell'attività scolastica. Permettono, infatti, di approfondire argomenti trattati solo teoricamente in classe.

Si considerano uscite didattiche la partecipazione a spettacoli teatrali, a concerti, a seminari e le visite a musei e mostre. Il viaggio d’istruzione, inoltre, rientra nella voce “uscite didattiche”, in quanto mira all’ampliamento degli orizzonti culturali e di promozione del processo di socializzazione.

Riteniamo di grande importanza offrire agli allievi la possibilità di effettuare esperienze al di fuori della scuola, entrando in contatto con realtà culturali diverse e vivendo esperienze di socializzazione più ampie e articolate di quelle possibili nel normale orario curricolare.

Tali esperienze, svolte in orario sia curricolare che extracurricolare, migliorano anche la socializzazione tra gli studenti e la comunicazione tra insegnanti e allievi.

 

·   Biblioteca

 E' possibile prendere in prestito o consultare i volumi della biblioteca scolastica.


Ampliamento dell’offerta formativa

 

 

 

ACCOGLIENZA

 

 

ORIENTAMENTO

 

 

VIAGGI DI ISTRUZIONE

 

 

SCAMBI CULTURALI

 

 

CORSI ESTIVI ALL’ESTERO

 

 

CORSI DI PERFEZIONAMENTO

 

 

PROGETTO SALUTE

 

 

ATTIVITA’ SPORTIVE

 

 

COLLEGAMENTI IN RETE


 

-     Attività di Accoglienza

 

·        primi giorni di scuola delle classi prime (per agevolare l’inserimento degli studenti nella nuova realtà scolastica):

 

Le attività sono indicate nella seguente tabella

 

OBIETTIVI

CONTENUTI

METODI

Promuovere processi di conoscenza e socializzazione

Presentazione del Coordinatore delle attività didattiche e dei docenti.

Conoscenza di sé, degli altri e delle principali dinamiche di gruppo

Attività di dinamica di gruppo (gita di socializzazione nel primo mese di scuola)

Facilitare l’inserimento nell’ambiente scolastico

Conoscenza della struttura scolastica

Visita della struttura guidata da allievi delle classi più avanzate e da un docente

Illustrare la necessità di un comportamento adeguato alle regole

Spiegazione del regolamento della scuola e del Patto di corresponsabilità

Presentazione e consegna del P.O.F.

Comunicare i contenuti didattici delle singole discipline

Finalità, obiettivi,modalità di verifica delle discipline

Presentazione degli insegnanti e delle singole discipline

 

 

·        Open day: ha come obiettivo quello di far conoscere l'offerta formativa,

culturale ed educativa, i servizi, le attività e la struttura della scuola.

·        Gradualità nell'affrontare i programmi anche attraverso l’apprendimento di un valido metodo di studio, soprattutto per facilitare l’inserimento dei nuovi alunni nelle attività scolastiche. Per questi ultimi si prevedono attività di sostegno, ove necessarie, da parte degli stessi insegnanti di classe.

·        Iniziative di socializzazione per permettere un ingresso che faciliti l’integrazione, la conoscenza ed i rapporti tra studenti e tra studenti e docenti. A tal fine è prevista, nel primo mese di scuola, una gita di socializzazione, rivolta alle classi prime.

·      Particolare attenzione si pone agli eventuali inserimenti di alunni in corso d’anno. Gli studenti sono accettati dopo un attento vaglio critico delle motivazioni, e dopo test di livello delle conoscenze nelle singole discipline per attivare le necessarie attività di sostegno e per evitare che il nuovo inserimento rallenti il processo di apprendimento della classe interessata

·      Esami di Idoneità che siamo tenuti ad offrire quale servizio pubblico in quanto scuola paritaria. La domanda di iscrizione deve essere presentata entro il 15 febbraio di ogni anno. Il numero di alunni ammessi a sostenere gli esami di idoneità è esiguo e non tutti i candidati giudicati idonei sono successivamente inseriti nelle classi all’inizio dell’anno scolastico successivo. Gli studenti debbono prepararsi su programmi da noi indicati e consegnati alla scuola di provenienza al fine di una adeguata preparazione dando loro la possibilità di un nostro controllo periodico. Per gli studenti ammessi nelle nostre classi, si attivano, in caso di necessità, corsi di sostegno al fine di evitare qualsiasi situazione di svantaggio per loro e per gli altri studenti della classe.

 

-    Orientamento

Obiettivo: conoscenza dei percorsi di studi post-diploma e di attività lavorative.

 

Il processo di orientamento è inteso quale attività istituzionale della scuola e costituisce parte integrante dei curricola di studio.

In termini generali rappresenta un momento di riflessione da parte dello studente sulla scelta da effettuare alla fine degli studi, qualunque essa sia: prosecuzione degli studi a livello universitario, formazione professionale, inserimento nel mondo del lavoro.

In particolare l’iniziativa è volta a:

a)            Attivare relazioni con le università.

b)            Favorire l'accesso alle informazioni sul mondo del lavoro.

c)            Fornire criteri e metodi per selezionare le informazioni e conoscere i propri interessi.

d)            Aiutare a riconoscere le specifiche attitudini attraverso appositi questionari.

e)            Coinvolgere la totalità degli studenti nella logica di un percorso centrato sui bisogni individuali e sul desiderio di compiere scelte responsabili.

f)              Inserire all’interno delle attività curricolari ed extracurricolari percorsi formativi di orientamento universitario e regionale promossi da specialisti di diverse università e del C.I.T.E. (Centri di Orientamento Scolastico, Professionale) di Milano.

g)            Organizzare una specifica giornata mirata per le classi IV

h)            All’interno del servizio si colloca anche un eventuale percorso di riorientamento, rivolto, in particolare, alle classi del biennio;Il riorientamento prevede il riesame, con la famiglia, delle reali attitudini e interessi dell’alunno, al fine di guidarlo ad una nuova scelta di studi scolastici, maggiormente mirata al successo formativo.

 

-    Viaggi d’istruzione

E' un'opportunità offerta ad ogni classe per approfondire ed ampliare la proposta formativa disciplinare. E' progettata e preparata come attività integrativa a quella didattica e connessa al programma curricolare.

 

-    Scambi culturali

Durante il corso dell'anno scolastico, viene offerta ad alcune classi l'opportunità di partecipare a progetti europei che permettono di effettuare scambi culturali tra gli studenti dei diversi Stati dell'U.E e non solo. I nostri ragazzi trascorrono un periodo stabilito presso una scuola straniera e vengono ospitati nelle famiglie dei loro coetanei. A loro volta questi ultimi saranno accolti nel nostro Istituto ed ospitati dai nostri allievi e dalle loro famiglie. Caratteristica di quest’attività della durata di 2 settimane (1 all’estero e 1 in Italia) è la completa reciprocità. A questo scopo, la nostra scuola e quella partner condividono un progetto per il quale assicurano:

 

·       ospitalità in famiglia in entrambi i paesi (in caso di impossibilità di scambio di ospitalità, lo studente straniero potrà essere alloggiato presso un altro compagno della classe coinvolta o della scuola);

·       partecipazione fattiva in attività scolastiche ed extrascolastiche finalizzate alla promozione dell’integrazione culturale;

·       visite guidate da esperti o da studenti partecipanti all’iniziativa preparati a presentare in lingua monumenti e altre attrattive del Paese di appartenenza relativamente al progetto concordato;

·       Gli studenti che a vario titolo non potessero partecipare allo scambio, potranno prendere parte alle gite e alle attività in Italia.

 

-    Corsi estivi all'estero

Durante le vacanze estive viene fornita agli studenti la possibilità di trascorrere un periodo di almeno due settimane in un Paese straniero, frequentando un corso di lingua. Le lezioni si svolgono di norma presso un college e i ragazzi possono scegliere la sistemazione nel campus stesso della scuola o in famiglia.

 

-    Progetto salute

L’Educazione alla salute ha come obiettivo il pieno sviluppo delle possibilità della persona (fisiche, mentali e sociali). È necessario, pertanto, abbandonare gli approcci tradizionali dell’Educazione sanitaria, fondata su una serie di divieti e incoraggiare un atteggiamento positivo e consapevole attraverso un percorso di conoscenza delle problematiche giovanili. Ben sappiamo che il nostro tempo è purtroppo caratterizzato da nuovi ostacoli, da nuovi malesseri e da nuove patologie non più affrontabili nei soli termini tradizionali e neppure con la semplice informazione sui danni derivanti da certi comportamenti.

Pertanto con un approccio non solamente medico, ma anche psicologico ed avvalendosi delle competenze di esperti esterni, la Commissione Salute organizza alcuneattività per sensibilizzare i ragazzi nei confronti di determinate problematiche. A tale proposito, ad esempio, nell’anno scolastico 2016/17 si è ritenuto opportuno inserire nella programmazione le seguenti problematiche:

 

Ø     classi prime:                      prevenzione dell’abuso di alcool

Ø     classi seconde:                  cyber bullismo

Ø     classi terze:                       sicurezza ambienti di lavoro

Ø     classi quarte:                     primo soccorso

Ø     classi quinte:                     donazione di sangue

 

Prima di ogni conferenza è previsto in ogni classe un breve intervento, tenuto dagli insegnanti, che informano gli alunni circa le tematiche trattate. In questa occasione gli studenti preparano anche domande da sottoporre agli esperti per approfondire alcuni argomenti.

 

 

-    Attività sportive

Obiettivo: socializzazione e miglioramento delle proprie capacità motorie attraverso la pratica di discipline sportive e competizioni svolte in impianti idonei alle attività proposte.

 

L’ Istituto Europeo Leopardi promuove la pratica sportiva attraverso le ordinarie lezioni curricolari di educazione fisica e proponendo diverse iniziative extrascolastiche:

 

- Campionati sportivi studenteschi

L’Istituto,partecipa a gare organizzate dal MIUR

-Tornei d’Istituto

Vengono svolti tornei interni di calcio e pallavolo che coinvolgono le classi di ogni ordine e grado.

-Tre giorni sport

Gli ultimi 3 giorni di scuola sono dedicati allo sport con gare di atletica e tornei sportivi nei primi due giorni presso un campo sportivo e l’ultimo con attività ludico-sportive presso il centro Canoa-Punta dell’est dell’Idroscalo.

-Uscite didattiche

Sono previste anche attività sportive effettuate durante l’orario curricolare presso strutture extrascolastiche, tra cui giornata polisportiva, avviamento allo squash, attività natatorie.

 

 

Come parte integrante della programmazione, particolare rilevanza viene riservata alla preparazione teorica dello studente, utilizzando tutti gli strumenti didattici idonei (libro di testo, audiovisivi, internet ecc…).

 

-    Collegamento in rete

Il collegamento informatico via Internet consente di mantenere un costante aggiornamento sia dal punto di vista didattico che normativo per tutto quello che riguarda il mondo della scuola, ma consente altresì, ovviamente, di reperire informazioni di qualsiasi tipo; è così possibile effettuare una didattica aperta e “in tempo reale”, operando sempre un’attenta selezione delle fonti. Questo tipo di attività può essere effettuata dal personale autorizzato, insegnanti e studenti, rispettando attentamente le procedure di utilizzo.

La scuola, completamente cablata, utilizza la tecnologia A.D.S.L. e FASTWEB che permette il collegamento di tutti i computer della scuola ad Internet anche per l’utilizzo di lavagne multimediali interattive LIM e tablet.


Servizi ausiliari

                    

SEGRETERIA

 

 

FORNITURA LIBRI DI TESTO

 

 

REFEZIONE

 

 

INFORMAZIONE ALLE FAMIGLIE

 

 

SERVIZIO PSICOPEDAGOGICO

 

 

·         Segreteria.Gli uffici principali a disposizione per tutte le pratiche amministrative per ogni ordine di studi sono situati nella sede di Via del Carroccio 9 a disposizione sia delle famiglie sia degli studenti. Servizi di segreteria aggiuntivi sonoattivi anche nelle sedi distaccate.

 

·         Fornitura Libri di testo.Gli studenti interessati possono richiederela fornitura dilibri di testo edidizionari presso la scuola che provvederà alla consegna diretta agli allievi grazie alla collaborazione di un grossista del ramo.

 

·         Refezione.Istituita per quanti volessero accedere alle attività pomeridiane, senza rientrare a casa nell'intervallo di pranzo. L'istituto è attrezzato con una propria cucina, che garantisce una corretta ed equilibrata alimentazione.

 

·         Informazione alle famiglie.A metà trimestre e in occasione della consegna delle schede di valutazionedi metà pentamestre, sono organizzati incontri con le famiglie, durante i quali i docenti relazionano sull’andamento della classe e si rendono disponibili per brevi colloqui individuali.

Gli insegnanti sono anche a disposizione dei genitori, previo appuntamento, in periodi prestabiliti con orario a cadenza settimanale, comunicati all’inizio di ogni anno tramite circolare apposita consegnata agli studenti, ed ogni volta che si renda necessario.

Il Preside è sempre disponibile ad incontri con i genitori per discutere situazionirelative sia all’andamento scolastico sia ad aspetti educativi per agevolareanche chi, per problemi di lavoro, sitrovi in difficoltà ad incontrare tutti gli insegnanti.

La pagella trimestrale é consegnata a dicembre. Le schede di valutazionedi metà pentamestre sono consegnate ai primi di aprile.

Oltre al servizio di registro elettronico,ogni studentedispone di un libretto sul quale vengono annotate le valutazioni conseguite, sia scritte sia orali che devono essere sistematicamente controfirmate dai genitori.

 

·         Servizio psicopedagogico. La scuola offrela possibilità di usufruire di un servizio psicopedagogico qualora il Consiglio di Classe lo ritenga opportuno, previa autorizzazione della famiglia. Maggiori informazioni sono fornite, a richiesta, dal Preside.

 


Progetto Educativo dell’istituto

PREMESSA

 

      

Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la scelta della scuola per i propri figli. Questa scelta è sicuramente fondamentale per le capacità-modalità con cui i figli sapranno affrontare la vita una volta diventati adulti. La scuola ha, invece, il compito di fornire una presentazione chiara e realistica di sé in modo da rendere possibile tale scelta.

 

       Da qui la doverosa elaborazione del progetto educativo d’istituto, un documento che, partendo dall'analisi delle risorse interne ed esterne e dopo aver recepito i bisogni dell'utente, definisca le finalità e i criteri organizzativi dell'azione educativa e didattica.

 

Esso contiene:

 

1.                        memoria storica ed identità dell'Istituto

2.                        analisi delle risorse interne alla Scuola

3.                        indicazione delle finalità educative e degli obiettivi formativi

4.                        pianificazione degli interventi educativi integrativi (I.D.E.I.), di recupero e orientamento.

      

La Scuola, intesa come Istituzione che opera in una società pluralistica e in rapida trasformazione, deve avere la capacità di rinnovarsi elaborando un proprio progetto educativo che risponda in misura adeguata alle richieste ed alle esigenze di formazione degli studenti in qualità di cittadini che aal termine dei loro studi dovranno inserirsi, in maniera attiva, nella società futura.

 

Il nostro Istituto, sorto nell'immediato dopoguerra, è stato da sempre punto di riferimento nel territorio di sua pertinenza per le proposte educative che, pur diversificate nel tempo, hanno costantemente dato una risposta moderna e adeguata a quelle che erano le esigenze del momento di genitori e studenti.

 

Nei primi anni di attività l’Istituto ha organizzato, dando risposta ad una pressante domanda, corsi per il recupero degli studenti in difficoltà nella scuola dell'obbligo, contribuendo così ad una riduzione dell'annoso problema della dispersione scolastica. Negli anni Sessanta ha avviato corsi di studio di Scuola superiore: Ragioneria, Liceo Linguistico e di Scuola elementare.

 

Negli anni Settanta, pressoché esauritasi con la riforma della scuola media inferiore l'utilità di un servizio al territorio circa il recupero nella scuola dell'obbligo, in nostro istituto ha cambiato completamente impostazione attivando corsi di studio legalmente riconosciuti di Scuola media, di Ragioneria e di Liceo Linguistico, con l'intento di offrire un servizio scolastico formativo di qualità, sia dal punto di vista educativo sia dal punto di vista della preparazione.

 

Gli anni Ottanta sono stati caratterizzati da un'offerta educativa ormai completa in ogni grado, dalla scuola elementare a quella superiore e dall'elaborazione di progetti innovativi per rendere tale proposta sempre più rispondente alle esigenze della società in continua evoluzione. Nasce così la scuola elementare bilingue italiano-inglese innestata sui programmi della scuola italiana, unica nel suo genere, che ottiene il riconoscimento ministeriale della parifica.

 

Proseguendo su questa strada si è dato poi vita ad iniziative diverse nel duplice intento di offrire un servizio assente sul territorio (Istituto Nautico per Capitani di lungo corso) e di rinnovare in chiave europea gli altri progetti formativi: la scuola media multilingue e il Liceo Europeo ad indirizzo linguistico e giuridico, che ha sostituito il Liceo Linguistico tradizionale. Nell’anno scolastico 1997/98 é stato avviato, ottenendo il riconoscimento legale, il corso completo di Liceo Scientifico. Nel 1999 la scuola completa la sua offerta formativa inserendo nella propria realtà scolastica il Liceo socio-psico-pedagogico con sede in Via Daniele Crespi.

 

Nel dicembre 2000 per la scuola media inferiore e superiore e, nel gennaio 2001, per la scuola elementare, il Ministero ha riconosciuto a tutti i nostri corsi la qualifica di “paritari”, con grande soddisfazione, dato il numero esiguo dei riconoscimenti concessi in quel periodo.

 

Nel mese di agosto 2003 l’Istituto ha ottenuto la certificazione di Qualità ISO 9001, rilasciata dall’ente SGS.

 

Nel settembre 2005 l’Istituto ha aperto una nuova sede (in Via Arena 13) dedicata alla prima fascia di scolarizzazione nella quale, oltre a svolgersi l’attività della scuola dell’infanzia, sono state trasferite la Scuola Primaria (elementare) e Secondaria di primo grado (media).

 

Dopo un lavoro preparatorio durato molti mesi del 2013, da settembre 2014, si avviano una serie di progetti tendenti a rafforzare l’apprendimento della lingua inglese a partire dalla Scuola dell’Infanzia con un progetto chiamato Natural Learning English che prevede la presenza di una educatrice madrelingua per il 50% del tempo scuola e dalla Scuola Primaria con un progetto chiamato Strengthening of learning English project con un potenziamento della lingua inglese, compreso una disciplina in lingua, con 9 ore settimanali di insegnamento.

 

Dal settembre 2015 si avvia l’istituzione del Liceo Scientifico a Indirizzo Sportivo, di una classe di Scuola secondaria di I grado di 30 ore settimanali, mantenendo anche la proposta di 40 ore e il processo di internazionalizzazione del Liceo Europeo.

 

Pur restando prioritarie ed irrinunciabili le basi culturali per una corretta formazione degli studenti, le famiglie richiedono da tempo alla nostra scuola anche la trasmissione di valori idonei a responsabilizzare le scelte ed i comportamenti della vita. Considerato ciò, offriamo un’esperienza educativa rivolta ad abituare i giovani a sviluppare rapporti costruttivi basati sul dialogo e sulla collaborazione interpersonale, insistendo sul rispetto reciproco e la disponibilità agli altri, senza trascurare una visione spirituale del mondo di fronte al materialismo e all’egoismo dominanti.

 

L'ambiente di riferimento in cui la scuola opera non é confessionale. Desideriamo però evitare la possibilità di certe "prese di posizione antireligiose" ed educare al rispetto e al pluralismo. Per questo siamo una scuola laica ad indirizzo cattolico che intende offrire ai giovani alcune proposte di natura religiosa nel quadro delle finalità generali in cui una scuola può agire.

 

Con ciò la nostra scuola non vuole porre preclusioni di alcun genere e offre a chi frequenta un ambiente non uniforme, lo stesso che i ragazzi trovano nel vivere sociale.

 

Siamo convinti che l'autonomia degli istituti scolastici sia condizione necessaria per l'effettivo esercizio della libertà e del pluralismo dell'educazione e dell'istruzione come è sancito dalla Costituzione. Ci adoperiamo affinché l’applicazione dell’autonomia offra agli allievi un valido servizio che ci differenzi da quello offerto da altre scuole.

 

Il Progetto Educativo di Istituto si suddivide in quattro parti:

 

·       gli obiettivi: che sono perseguiti

·       le modalità tecniche: con cui sono realizzati gli obiettivi

·       l'organizzazione: con cui si garantisce che gli obiettivi vengano perseguiti

·       il panorama delle attività

 

 


OBIETTIVI

 

Gli obiettivi che la nostra scuola persegue si basano sui principi fondamentali di una società civile in continua evoluzione, caratterizzata dalla necessità di:

 

- seguire la velocità di cambiamento del sociale che si fa sempre maggiore e quindi:

·               accettazione del cambiamento visto non come rottura con il passato, ma come una sua evoluzione

·               valutazione critica del cambiamento, considerando che non deve essere necessariamente accettato "in toto", e che, a sua volta, potrebbe variare

·               individuazione di principi di base cui attenersi (e capacità di mantenerli)

 

- proporre una cultura aperta ed avanzata significa educare:

·           a saper ascoltare e non solo sentire, a saper prendere in considerazione e rispettare il punto di vista dell'altro

·             alla mediazione e non all'estremismo cercando il giusto equilibrio sia nel proporre sia nell'accettare il nuovo

·           alla tolleranza

 

-    educare all'informazione perché gli interventi dell'allievo siano propositivi

·           insegnare all'allievo a saper sviluppare le proprie capacità potenziali e le proprie competenze

·           insegnare a sviluppare la capacità di ricerca d’informazioni attingendo a fonti diversificate

·           insegnare a sviluppare il senso critico

 

- educare alla libertà di pensiero

·         insegnare a sostenere le proprie posizioni e opinioni, pur restando sensibili ai punti di vista degli altri

 

Una scuola, pertanto, che non trasmetta solo istruzione, ma offra ai giovani le possibilità di formazione più adatte ad affrontare le difficili dinamiche sociali evitando la perdita dei valori etici.

 

Questo ci porta a proporre:

 

 * Una scuola che non si accontenti di trasmettere solo istruzione, ma offra una possibilità di formazione idonea ad inserire positivamente i giovani nel complesso mondo di oggi. A tal fine la scuola intende comunicare punti di riferimento attraverso cui imparare a conoscere se stessi e gli altri e valutare in modo critico ogni nuova esperienza ed ogni nuova proposta con cui confrontarsi.

 

* Una scuola aperta e seria, disponibile all'innovazione, seppure ancorata ad una forte tradizione culturale; attenta ai problemi di ognuno, pronta all'ascolto, basata sul dialogo.

 

* Una scuola che prepari, e che consideri importante il livello qualitativo dell'apprendimento ed i contenuti culturali trasmessi perché ogni giovane sia un cittadino professionalmente preparato, quindi una scuola esigente quanto all'impegno di studio e al comportamento, ma che si metta a disposizione dello studente fornendogli tutti i mezzi necessari perché sia in grado di raggiungere i livelli richiesti.

 

* Una scuola che sviluppi nei ragazzi una dimensione sociale, la tolleranza, l'accettazione e la disponibilità verso l'altro in contrapposizione all'attuale tendenza ad un esasperato individualismo e ad un eccessivo spirito emulativo.

 

* Una scuola che si basi sul primato della persona e al tempo stesso educhi il giovane ad una dimensione civica affinché diventi un cittadino libero, maturo, responsabile, onesto e con una propria capacità critica.

 


MODALITÀ DI ATTUAZIONE:

 

Al fine del raggiungimento degli obiettivi indicati nel paragrafo precedente si attivano per i giovani iniziative atte a:

 

- affrontare in prima persona e prendere coscienza dei problemi sociali

- discutere articoli di stampa anche straniera

- sviluppare lo studio delle lingue straniere

- realizzare viaggi d’istruzione all'estero e scambi culturali

- collaborare ad un giornale d’Istituto

- potenziare il rapporto col territorio.

 

COMPONENTI SCOLASTICHE E LORO RUOLO

 

Nel mondo della scuola agiscono varie componenti: Rettore, Preside, Insegnanti, Genitori ed Allievi. E' dalla loro capacità di collaborazione, d'integrazione e di rispetto dei ruoli che dipende il successo della scuola.

 

* Il Rettore è il promotore del progetto, ne stimola l'attuazione, ne propone le modifiche richieste da nuove realtà, ne è il garante; è responsabile della scelta degli insegnanti in collaborazione con il Consiglio di Amministrazione dell’Istituto. Coordina il Consiglio di presidenza

 

* Il Preside promuove il progetto nell’ordine di studi di sua competenza stimolandone e controllandone l’attuazione, propone le modifiche che nascono da nuove esigenze educative e formative. Collabora con il Rettore nella scelta degli insegnanti, valutando la loro preparazione e serietà professionale; favorisce e coordina la collaborazione tra docenti, genitori e studenti; promuove la programmazione annuale tra docenti per materia e area d’indirizzo; fornisce quanto necessario per la realizzazione degli obiettivi prefissati.

 

* Il Consiglio di Presidenza, composto da tutti i dirigenti dei diversi ordini di studi e da qualche componente del Consiglio di Amministrazione analizza periodicamente l’andamento dell’anno scolastico e decide le linee da tenere di fronte a situazioni che necessitano di variazione di linea formativa, di uscite di nuove normative, di decisioni di sanzioni disciplinari gravi, di supporto alle esigenze formative dei docenti.

 

* Gli Insegnanti, scelti tramite una selezione, sono coordinati dal Preside ed offrono un prezioso contributo alla crescita dei giovani svolgendo un serio lavoro di formazione e di analisi in ordine alle valenze educative e morali delle singole discipline. Esercitano la libertà d’insegnamento nel rispetto del progetto educativo d’Istituto e del diritto dei giovani a riceverlo in modo obiettivo ed equilibrato, cercano di proporsi come "maestri" per i loro studenti attraverso la comunicazione del loro sapere, l'equilibrio e la coerenza del loro comportamento; hanno una valida competenza tecnica nell'ambito delle singole materie e nella metodologia dell'insegnamento e sentono l'impegno all'aggiornamento e alla competenza professionale. Hanno conoscenza della psicologia degli studenti maturata con l'esperienza e loro compito è far emergere le potenzialità di ogni allievo. Cercano di porsi nella classe come punto d’incontro, di mediazione e d’invito alla solidarietà per realizzare, al di là del rapporto scolastico, il rapporto individuale e di gruppo con il giovane-studente. Favoriscono nella classe un clima ottimale durante la lezione. Per poter adempiere a questi compiti debbono possedere, nei confronti dei ragazzi, un'autorità che si basa sulla loro professionalità ed è rafforzata dall'istituzionalità del ruolo e soprattutto dalla collaborazione dei genitori.

 

* I Genitori sono invitati a partecipare attivamente all'opera educativa dell'Istituto. Il loro diritto-dovere all'educazione dei figli si concretizza anche nei momenti d’incontro con le altre componenti della scuola per approfondire argomenti di carattere educativo mettendo a disposizione le loro conoscenze specifiche e vivendo così dall'interno la dimensione scolastica dei figli. Affinché tale scelta abbia un risultato proficuo, essi rafforzano il ruolo dell'insegnante segnalando direttamente ai docenti gli eventuali problemi dei figli.

 

* Gli Studenti sono i protagonisti di questo progetto educativo. I giovani che frequentano la scuola debbono affrontare lo studio in maniera seria e responsabile, partecipando alla vita di classe. Hanno il dovere di tenere nell'Istituto un atteggiamento e un comportamento corretto, di rispetto verso gli altri e verso il regolamento della scuola. Essi crescono attraverso il confronto con gli adulti e i compagni accettando il pluralismo delle opinioni e sviluppando capacità di ascolto e di rapporto positivo e costruttivo con i loro educatori. Finalizzano i loro sforzi alla scoperta del piacere della cultura, se cultura significa, ad ogni livello di studi, capacità di capire e di essere capiti, curiosità e rigore intellettuale e non passiva accettazione di quanto proposto.

 

* Il Consiglio di Istituto è composto dai Presidi, dai Vice presidi, da un rappresentante della segreteria e, per ogni indirizzo di studi, da un docente, uno studente, un genitore con il ruolo di referenti fra il proprio gruppo di rappresentanza e tale organo collegiale. Si riunisce, in via ordinaria, con cadenza bimestrale.

 

IL PANORAMA DELLE NOSTRE PROPOSTE

 

Si fonda su:

 

a)    Stage all'estero.

b)    Corsi di sostegno e recupero tenuti dai docenti durante l'anno scolastico e nel periodo estivo per la preparazione all’assolvimento dei debiti formativi.

c)    Studio pomeridiano guidato per il biennio della scuola superiore e, a richiesta, aperto anche agli studenti delle classi successive.

d)   Dibattiti e conferenze su problemi di notevole interesse socioculturale.

e)    Conferenze tenute da specialisti su argomenti peculiari per i vari indirizzi.

f)     Gruppi di studio volontari per l'approfondimento di argomenti di attualità.

g)    Gruppo sportivo e organizzazione di gare e tornei.

h)    Scambi culturali con classi di Paesi di cui gli allievi studiano la lingua.

i)      Viaggi d’Istruzione in Italia e all’estero.

j)      Realizzazione di incontri e forme di scambio tra il mondo del lavoro e quello della scuola tramite accordi con le associazioni imprenditoriali.

k)    Stage di lavoro in azienda.

l)      Attivazione di discipline facoltative ed attività formative secondo le esigenze che possono venir espresse da docenti, genitori e studenti.

m)  Corsi supplementari di specializzazione per le lingue straniere.

n)    Costituzione di gruppi teatrali, musicali e club dell’Arte.

o)    Attività di orientamento post diploma

p)    Supporto alla scelta di un percorso universitario all’estero

 

       Il panorama potrà essere analizzato in dettaglio prendendo in visione i POF specifici di ogni ordine di studi

 

Attualmente presso il nostro Istituto funzionano i seguenti corsi di studio:

 

Scuola dell’infanzia – Scuola di tradizione, entrata a far parte dell’Istituto, da diversi anni, per completare l’offerta formativa, accoglie i bambini a partire dai due anni (Sezione Primavera) e li accompagna in un percorso di crescita, scoperte, apprendimenti, in stretta collaborazione con le famiglie.

La nostra Scuola dell’Infanzia è innanzitutto un contesto di relazioni e attenzione alla persona in cui i bambini hanno l’opportunità di acquisire competenze attraverso: l’approccio e l’apprendimento della lingua inglese con il metodo “Natural Learning English”; il progetto musicale che propone esperienze sonoro-musicali con il corpo, la voce e gli strumenti; il progetto “Alfabetilandia” che prepara i bambini al passaggio alla scuola primaria; il progetto pittura, il progetto creatività e uscite didattiche sul territorio.

 

Scuola Primaria (bilingue Italiano-Inglese) - Progetto didattico unico nel suo genere come proposta educativa - formativa. Il corso, consolidato, è ormai operativo da più di 20 anni. È uno dei fiori all'occhiello della nostra tradizione consolidata in 70 anni di presenza nella scuola milanese. Il bambino è il vero protagonista dei suoi primi giorni di scuola per un impatto positivo con la nuova realtà. Altrettanta importanza è data alla sua preparazione di base in funzione dei cicli di studio successivi.

 

Scuola Secondaria di primo grado (rinnovata nell'impostazione didattica): il curriculum prevede due lingue straniere, informatica, potenziamento della lingua inglese, maggiore attività fisico-sportiva, esecuzione dei compiti sotto la guida dei propri insegnanti nell'ambito delle lezioni.

 

Istituto Tecnico Economico indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing Corso caratterizzato, grazie alla possibilità di personalizzazione del piano di studi in funzione dell’autonomia scolastica, dall’utilizzo dell’informatica e dall’attenzione alla lingua inglese ed alle materie professionali quali economia aziendale; nel corso di studi gli studenti potranno conseguire l’ECDL e la certificazione internazionale delle lingue studiate, con specializzazione della lingua inglese.

L’organizzazione di stage aziendali e dell’ ”Area di Progetto” realizzata in collaborazione con la Camera di Commercio permettono di ottenere una preparazione adeguata alle richieste del mondo del lavoro. In occasione dell’avvio dei nuovi piani di studio legati al riordino della scuola secondaria superiore, si è introdotto lo studio di elementi di Tecnica della Comunicazione e l’utilizzo della didattica laboratoriale per tutte le discipline.

 

Liceo Europeo (con indirizzo linguistico - moderno o giuridico - economico). Il corso mantiene tutte le valenze del Liceo Linguistico, recependo le istanze della sperimentazione del 1994 e propone percorsi studiati anche in collaborazione con il mondo del lavoro per offrire una risposta aderente alle rinnovate esigenze di preparazione professionale dei giovani con curricoli allineati agli standard previsti dai sistemi scolastici degli altri Paesi Europei. Il corso di studi ottimizza la sua proposta attraverso lo studio di una materia in inglese, lingua veicolare, ( storia o arte), attività quali Scambi culturali,Stage in paesi di lingua straniera e promuove inoltre le certificazioni linguistiche internazionali (curricolari) e la certificazione informatica ECDL

 

Liceo Scientifico (con particolare attenzione all’informatica –patentino ECDL - ed alla lingua inglese – certificazione British Council). Un indirizzo di studi che consolida i decenni della nostra esperienza didattica liceale nella tradizione scolastica milanese e che punta a fornire agli studenti un metodo di studio efficace. Il costante aggiornamento personale di ogni docente e l'adozione di nuovi programmi educativi all'avanguardia con i tempi, costituiscono per il genitore la garanzia di un'ottima preparazione che permette l'accesso a qualunque facoltà universitaria, ma anche possibili e concreti sbocchi occupazionali grazie all'approfondimento informatico e linguistico previsto. nel settembre 2015 è stato istituito il Liceo Scientifico ad Indirizzo Sportivo

 

Liceo delle Scienze Umane – indirizzo economico sociale)

Indirizzo di studi in sintonia con le moderne esigenze culturali e sociali la cui finalità è quella di favorire le molteplici scelte professionali nel campo della formazione e del sociale attraverso la crescita globale della persona. Si attuano le tecniche laboratoriali di sociologia, di arte, di letteratura per far acquisire competenze trasversali. Si attuano stage di carattere socio educativo.

 

Dal giugno 2017, frutto di anni di attenzione all’impostazione dello studio delle lingue straniere con il metodo internazionale e l’avvio, con risultati concreti del processo di internazionalizzazione degli studi presso il nostro Istituto, abbiamo ottenuto l’accreditamento di “Cambridge International School”.

 

Tutti i corsi sono paritari e l'Istituto è Sede d'Esame


Regolamento d'Istituto

 

Come ogni società, anche quella scolastica, richiede il rispetto di regole chiare che assicurino efficienza e produttività al suo lavoro e permettano il conseguimento degli obiettivi prefissati dal progetto educativo di Istituto.

Il presente regolamento si fonda sulle finalità educative dell’Istituto ben esplicitate nel “Progetto Educativo”. L’iscrizione è atto esplicito di accettazione del regolamento stesso da parte di famiglie e studenti. Impegno nello studio e comportamento adeguato a quanto espresso nel regolamento sono le condizioni indispensabili per la frequenza presso il nostro Istituto così come previsto dall’articolo 1 comma 3 della legge di parità n. 62/2000: 3. Alle scuole paritarie private è assicurata piena libertà per quanto concerne l’orientamento culturale e l’indirizzo pedagogico - didattico. Tenuto conto del progetto educativo della scuola, l’insegnamento è improntato ai principi di libertà stabiliti dalla Costituzione repubblicana. Le scuole paritarie, svolgendo un servizio pubblico, accolgono chiunque, accettandone il progetto educativo, richieda di iscriversi.”

 

Norme relative agli studenti

 

1) Orario delle lezioni e intervallo.

Sede di via del Carroccio e di Via Arena: le lezioni antimeridiane si svolgono in un unico turno dalle ore 8.10 alle ore 13.10 (14.10 nel caso di sesta ora), con intervallo di 20 minuti fra la 3a e la 4a ora. Le lezioni pomeridiane si tengono (dove previsto dall’orario scolastico) dalle 14.50 alle 16.50. Lo studio guidato pomeridiano si svolge dalle 15.00 fino alle 18.25, come termine ultimo d’uscita.

 

2) Ingresso nella scuola e in aula

a) gli alunni si trovano nella sede della scuola almeno cinque minuti prima dell'inizio delle lezioni e accedono, ordinatamente, alle aule dopo il primo squillo della campanella. Chi giunge prima si tratterrà nel cortile o nell'atrio della scuola. Per ragioni di sicurezza non è consentito sostare nella strada antistante la scuola.

Gli alunni che utilizzano mezzi propri (biciclette, motocicli) devono parcheggiarli solo nell’apposito spazio attrezzato nelle aree antistanti vicino alla scuola predisposte dal Comune di Milano, mai sul marciapiede.

 

b) dopo l'inizio delle lezioni - al secondo squillo della campanella - al fine di un regolare svolgimento della prima ora di lezione, gli studenti con un ritardo superiore ai 10 minuti non sono ammessi in classe alla 1° ora di lezione. Dalle 8.10 alle 8.20 sono ammessi con visto dell’Insegnante di classe, al terzo ritardo nel giro di 30 giorni, occorre il visto del Preside (o di chi ne fa le veci).

Gli studenti che, senza particolari motivi e senza particolari giustificazioni dei Genitori per la lontananza o difficoltà dei mezzi di trasporto, si presentassero frequentemente in ritardo possono incorrere in provvedimenti disciplinari quali la non accettazione in classe. L'ingresso dopo le 8,20 deve essere giustificato sull'apposito libretto da un Genitore (o di chi ne fa le veci) il giorno stesso o il giorno successivo. Lo studente accederà alla classe all’inizio della seconda ora.

 

3) Permessi

I permessi di entrata posticipata e di uscita anticipata sono compilati sugli appositi moduli previsti nel libretto delle assenze, regolarmente firmati da un genitore, controfirmati dagli insegnanti, salvo necessità particolari durante l’intervallo, delle ore di lezione che non vengono frequentate prima della convalida della Presidenza. L’ingresso e l’uscita con permesso si effettueranno soltanto al suono della campanella di fine lezione. Non è consentito agli studenti, salvo casi eccezionali certificati o precedentemente concordati con la Presidenza, entrare a scuola dopo le ore 10 od uscire prima delle ore 13.10.

Si richiede che tali permessi siano circoscritti a casi di estrema necessità e in numero limitato. L’Istituto invita a fissare eventuali visite mediche fuori dall’orario scolastico.

 

4) Assenze

Ogni assenza sia alle lezioni del mattino sia del pomeriggio, come pure quella dei corsi di recupero, deve essere sempre giustificata. A tale scopo, prima di riprendere la frequenza, lo studente si presenterà in Presidenza dieci minuti prima dell'inizio delle lezioni con la richiesta di giustificazione firmata da un genitore o di chi ne fa le veci onde poter iniziare le lezioni senza recare disturbo alla classe con ingressi tardivi.

La giustificazione per malattia superiore a quattro giorni (comprese le giornate festive), deve espressamente riportare la dicitura “NON AFFETTO/A DA MALATTIE INFETTIVE”, come previsto dalla legge regionale n. 12 del 4 agosto 2003.

 

5) Uscita dalle aule e dalla scuola

Gli studenti non possono lasciare la scuola prima del termine dell'orario scolastico ufficiale e durante gli intervalli se non dietro richiesta scritta, motivata, di un genitore o di chi ne fa le veci e autorizzata dalla Presidenza.

Gli studenti iscritti allo studio guidato pomeridiano possono lasciare la scuola prima delle ore 17, solo se autorizzati dai genitori o da chi ne fa le veci e autorizzati dal Preside.

Fra una lezione e la successiva gli alunni possono uscire dalla loro aula solo per effettuare spostamenti a laboratori, palestra, etc. Ciò deve essere fatto rapidamente, senza disturbare le altre classi. Durante le lezioni, gli allievi hanno il permesso di uscire dall'aula solo per motivi valutati di volta in volta dall'insegnante; La segreteria è a disposizione degli studenti dalle ore 10.00 alle ore 11.30, al di fuori di questo orario, non è possibile accedervi se non al termine delle lezioni o per motivi di effettiva urgenza e necessità.

Durante l'intervallo gli alunni escono dalle aule e sostano nel cortile o nell'atrio o nelle zone indicate.

Al termine delle lezioni, gli alunni devono uscire ordinatamente dalla classe.

 

6) Conservazione dei locali e del materiale didattico

Gli alunni sono tenuti a collaborare con gli insegnanti e col personale affinché locali, arredamento e materiale didattico della scuola restino immuni da danneggiamenti e siano usati con la dovuta cura. Quando tale principio non sia osservato, come stabilito dal Consiglio Scolastico Provinciale in data 11/2/91, è previsto il pagamento dei danni da parte del singolo responsabile; nel caso in cui esso non fosse identificabile, il danno é rimborsato dalla classe, da un gruppo di classi o dall'intera comunità scolastica e ciò a prescindere dagli aspetti disciplinari.

 

7) Uso didattico e gestione del Tablet

Gli studenti sono tenuti a presentarsi a scuola sempre forniti di tale strumento, con batteria carica e pronto all'uso.

Detto strumento, nell'ambito scolastico, deve essere utilizzato solo ai fini didattici, secondo le indicazioni dei docenti e secondo il regolamento per l’utilizzo dell’i-Pad controfirmato da studenti e famiglie.

 

8) Uso e conservazione del diario e del libretto delle assenze e dei voti

Il diario (nel biennio) e il libretto delle assenze e dei voti (per tutte le classi) servono come tramite ufficiale fra la scuola e la famiglia. Devono pertanto essere conservati con la massima cura e portati regolarmente a scuola; quanto annotato deve riguardare esclusivamente argomenti inerenti l'attività scolastica. Sull'apposita parte inserita nel libretto delle assenze sono indicate tutte le classificazioni delle prove scritte e orali. Sul diario ufficiale (dato in dotazione dalla scuola agli studenti delle classi prima e seconda) possono essere indicati avvisi, compiti assegnati e, per chi frequenta lo studio guidato pomeridiano, l'orario di uscita e gli eventuali compiti da terminare.

Si invitano le Famiglie, nello spirito di collaborazione educativa chiesto nel nostro progetto d’istituto, a controllare regolarmente il registro on line; a controllare periodicamente il libretto delle assenze e dei permessi apponendo una firma per presa visione su ogni annotazione e firmando settimanalmente la parte dei voti. Saranno accettate solo le firme depositate all'atto dell'iscrizione, anche per i maggiorenni.

La Presidenza si riserva la sostituzione del diario o del libretto, a spese dello studente, nel caso in cui non vengano ottemperate le suddette indicazioni.

 

9) Comportamento

Ogni studente è tenuto ad un comportamento civile, leale, rispettoso ed educato, anche nel linguaggio, nei confronti dei propri compagni, del personale non insegnante e degli insegnanti sia nella scuola sia fuori di essa nel pieno rispetto del progetto educativo. Questo nella considerazione che ogni convivenza civile si basa sul rispetto e sull’attenzione reciproci.

Nei locali della scuola (aule, corridoi, cortile, servizi ecc.) è vietato fumare.

Misure disciplinari sono previste (anche dalle leggi in vigore) in caso di inosservanza delle predette norme.

 

Ciascuno avrà cura della propria persona (vestendo in modo consono all'ambiente scolastico) e delle proprie cose di cui è il solo responsabile.

Si ricorda che fa parte della normale diligenza presentarsi a scuola forniti di tutto l'occorrente didattico necessario per le lezioni come pure di non portare oggetti che possano recare danno o disturbo al regolare svolgimento delle stesse.

Al termine delle lezioni, gli studenti dovranno lasciare le aule in ordine riportando a casa ogni giorno tutto il materiale didattico di loro appartenenza.

Al cambio dell'ora di lezione ciascuno terrà un comportamento corretto al fine di non disturbare o creare situazioni di pericolo per sé e per gli altri; eventuali permessi di uscita dalla classe dovranno essere chiesti all'insegnante, all'inizio dell'ora successiva.

 

In relazione alla nuova normativa vigente (DM 137/2008) le sanzioni saranno comminate in proporzione alla gravità delle infrazioni dal Preside e/o dal Consiglio di classe. La finalità di dette sanzioni avrà sempre intento formativo ed educativo.

Il comportamento sarà parte integrante, secondo la nuova normativa – vedi regolamento sulla valutazione – del voto di condotta che inciderà sull'attribuzione del credito scolastico a partire dalla terza classe.

 

 

TABELLA DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA

Voto

Indicatori

 

 

10

 

Responsabile, affidabile, collaborativo, disponibile nei confronti del docente e dei compagni, puntuale anche nel lavoro e nel materiale scolastico, partecipativo e propositivo, è rispettoso del regolamento scolastico, studia con impegno.

 

Alternanza. Rispetta gli orari e le regole aziendali, partecipa e collabora attivamente. Sa relazionarsi ed integrarsi nel team di lavoro aziendale.

 

 

 

9

Corretto, rispettoso, raramente oggetto di qualche richiamo, diligente, attento durante le lezioni, studia con impegno

 

Alternanza. Rispetta gli orari e le regole aziendali. Puntuale e diligente nella consegna del lavoro assegnato. E’ partecipativo e autonomo.

 

 

 

8

 

Comportamento sostanzialmente positivo anche se non sempre adeguato, senza allontanamenti per gravi motivi disciplinari, con max un provvedimento per ritardi. Generalmente sensibile ai richiami.

 

Alternanza. Presenza regolare. Comportamento sostanzialmente positivo. Lavora su quanto richiesto ma non è particolarmente motivato.

 

 

 

7

Disturba talvolta le lezioni, con più allontanamenti per motivi disciplinari. Ha subito più provvedimenti per eccesso di ritardi/ritiro del cellulare/per fumo o ha subito sospensione con obbligo di frequenza per comportamento o ha fatto una assenza ingiustificata con convocazione della famiglia. Non si impegna adeguatamente. Poco puntuale alle lezioni e nelle consegne.

 

Alternanza. Presenza abbastanza regolare. Qualche richiamo per scarsa puntualità e mancato rispetto dei tempi previsti di consegna dei lavori assegnati. Poco collaborativo e scarsamente motivato.

 

 

 

6

 

 

Ripetutamente richiamato per disturbo durante le lezioni, con frequenti allontanamenti per motivi disciplinari, talvolta gravi, poco sensibile ai richiami. Spesso non puntuale alle lezioni e nei doveri scolastici. È poco rispettoso del regolamento o ha fatto più assenze ingiustificate o ha subito sospensioni o è stato sorpreso a copiare con dolo da strumenti tecnologici. La famiglia è stata convocata, per problemi di comportamento.

 

Alternanza. Presenza irregolare. Ripetutamente richiamato dal tutor aziendale, anche in forma scritta per scarsa puntualità, poca motivazione e/o interesse per l’attività svolta.

 

 

 

5

 

Comportamento particolarmente irrispettoso/ineducato (parole/atti) nei confronti del regolamento o di docenti o compagni di classe/scuola, senza ravvedimenti. Protagonista di gravi episodi di bullismo (violenze fisiche, ripetute minacce), gravi episodi di vandalismo (allagamenti, incendi, furti di materiale valutativo e relativa distruzione), autore di foto/video scattate in classe a compagni, docenti o personale della scuola e poi diffuse o pubblicate, con sospensione di almeno 10 giorni.

 

Alternanza. Comportamento particolarmente irrispettoso e ineducato. Allontanato dall’attività aziendale prima del termine previsto di stage.

 

 

10) Uso del cellulare e altri strumenti elettronici

E’ auspicabile che gli studenti vengano a scuola senza detti strumenti. In ogni caso, come per gli insegnanti, ne è assolutamente vietato l’uso durante l’orario delle lezioni.

Le regole da noi applicate, integrative della direttiva del Ministero sono:

 

1.   il cellulare o altri strumenti elettronici (I-Phone e I-Pod) durante le lezioni debbono essere spenti e non visibili;

2.   alla prima contravvenzione delle regole, ritiro del cellulare con riconsegna al termine delle lezioni;

3.   alla seconda contravvenzione, ritiro del cellulare e riconsegna dietro richiesta scritta della famiglia;

4.   dalla terza contravvenzione, ritiro del cellulare con riconsegna direttamente alla famiglia ed effetti sulla valutazione del voto di condotta.

 

Ricordiamo che i docenti hanno la funzione fondamentale di insegnare e pertanto non perderanno tempo a verificare lo stato degli strumenti sopra indicati (accesi, spenti, accesi e silenziosi ...), ma il fatto che siano visibili durante le ore di lezione – cambi dell’ora compresi – sarà condizione sufficiente per il ritiro.

 

 

11) Riproduzione d'immagini

Secondo le norme sulla privacy, è vietata la ripresa di immagini o filmati (con macchina fotografica, videocamera, cellulari …) senza il consenso degli interessati e della Presidenza. La mancata ottemperanza della disposizione comporterà il temporaneo ritiro dello strumento, eliminazione delle immagini e sanzioni disciplinari.

 

La diffusione esterna (via rete internet o altro), senza il consenso degli interessati e della scuola, di immagini riprese all’interno della stessa configura grave violazione della legge della privacy con relative sanzioni, anche di carattere penale, previste, dalla legge, cui non possono che aggiungersi altrettanto gravi sanzioni disciplinari da parte della scuola.

 

12) Giustificazioni a verifiche

Per permettere una maggiore regolarità delle verifiche negli ultimi 15 giorni precedenti le valutazioni periodiche ufficiali non saranno accettate le giustificazioni per le eventuali impreparazioni.

Non saranno ammessi, in ogni periodo dell’anno, rifiuti di interrogazione.

Essi, oltre alla valutazione negativa, potranno comportare provvedimenti disciplinari.

 

13) Uscite didattiche e viaggi di istruzione

La partecipazione alle uscite a carattere didattico è obbligatoria in quanto parte integrante della programmazione didattica. Durante le uscite a carattere didattico, secondo le norme vigenti circa l’obbligo di sorveglianza da parte dei docenti, non è consentito l’uso di mezzi propri. Gli spostamenti si effettueranno con mezzi pubblici sotto la sorveglianza dei docenti accompagnatori. I viaggi di istruzione saranno effettuati, secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti, solo se l'adesione raggiungerà almeno i 2/3 dei componenti della classe.

 

14) Crediti formativi

Ai fini dell’esame di Stato sono valorizzate le esperienze formative che ogni alunno può aver maturato al di fuori della scuola (DPR 23 luglio 1998 n. 323). Corsi di lingua, esperienze lavorative, soggiorni in scuole o campus all’estero, attività sportive, attività di volontariato o corsi artistici e musicali sono esperienze che arricchiscono il bagaglio di competenze di ognuno. Di esse si potrà tenere conto qualora siano opportunamente documentate.

Tali esperienze potranno contribuire, solo per gli studenti del triennio, ad elevare la valutazione del credito scolastico, Si ricorda che, secondo l’attuale normativa, il punteggio assegnato allo studente non può superare il punteggio massimo di fascia indicato dalle tabelle ministeriali, in base alla media dei voti ottenuti; questo anche in presenza di più crediti formativi che, comunque verranno indicati sul foglio notizie.

Per gli stage di lavoro la certificazione dell’azienda che ha ospitato lo studente deve indicare l’ente a cui sono stati versati i contributi di assistenza e previdenza (ovvero le disposizioni normative che escludono l’obbligo dell’adempimento contributivo) e gli obiettivi formativi raggiunti.

 

Per le esperienze effettuate all’estero la certificazione deve essere convalidata dall’autorità diplomatica o consolare o da una delle seguenti rappresentanze culturali (nota Ministeriale prot. n. 5884 CIL del 29/4/99), anche nella loro sede di Milano:

 

British Council Via Quattro Fontane 20 Roma

Alliance Francaise De Rome Via Montebello 104 Roma

Goethe Institut Via Savoia 15 Roma

Usis Ambasciata Usa Via Caetani 32 Roma

Istituto Culturale Austriaco Viale Bruno Buozzi 113 Roma

Istituto Cervantes- Via Dante 12 Milano

 

Verrà considerato credito formativo valutabile ogni esperienza di studio, e nel senso sopra esposto, documentata (da ente esterno alla scuola), purché abbia comportato al termine una verifica del percorso svolto con conseguente valutazione.

 

 

15) Giustificazioni – assenze – ritardi dalle lezioni di educazione fisica

15.1 Giustificazioni

Ogni studente può giustificarsi tre volte per trimestre o pentamestre. Come giustifica si intende:- giustificazione del genitore - mancanza della tuta - giustificazione personale. Superate le tre giustificazioni, le successive saranno accettate solo se accompagnate da certificato medico o autocertificazione della famiglia che attesti la malattia.

15.2 Assenze

Due assenze consecutive devono essere giustificate con un certificato medico o con autocertificazione della famiglia, condizione necessaria per essere ammessi alla lezione seguente (salvo problemi particolari pregiustificati dalla famiglia - es. viaggi). Chi supera il 25% di assenze, per poter essere valutato, dovrà presentare un lavoro alternativo.

15.3 Ritardi

Non saranno ammessi a lezione (2 ore) tutti gli alunni assenti durante l’appello che avverrà 10 min. dopo il suono della campana nella prima ora.

15.4 Spogliatoi

Gli alunni devono mantenere ordine nei locali e si rammenta che la scuola non è responsabile degli oggetti di valore lasciati negli spogliatoi stessi durante l’ora di lezione. Gli stessi potranno essere depositati presso il docente.

15.5 Non partecipanti alla lezione

Gli alunni che non partecipano alla lezione pratica svolgeranno un lavoro assegnato dall’insegnante nel luogo da lui stabilito. Terminata la lezione, il lavoro svolto dovrà essere consegnato per la valutazione.

 

16) Esonero dalle lezioni di educazione fisica:

L’esonero dalle lezioni di educazione fisica prevede la seguente procedura:

· Esoneri superiori a 15 giorni: occorre presentare domanda in carta semplice firmata da un genitore, corredata da certificato rilasciato dal medico curante.

· Esoneri annuali: occorre presentare domanda in carta semplice firmata da un genitore, corredata da certificato rilasciato dal medico dell’ASL di zona.

Gli alunni esonerati, secondo le disposizioni vigenti, sono comunque tenuti ad essere presenti alle lezioni partecipando alle stesse secondo modalità idonee indicate dall’insegnante.

 

17) Refezione scolastica

Gli studenti che usufruiscono della refezione sono tenuti a rispettare le regole essenziali della buona educazione (il tono della voce, il rispetto del personale e dell’ambiente) affinché anche questo momento contribuisca alla crescita educativa di ogni ragazzo.

REGOLAMENTO PER L’UTILIZZO DELL’i-Pad

1.                  L’i-Pad è uno strumento che lo studente in orario scolastico deve utilizzare esclusivamente per l’attività didattica e pertanto il suo uso deve essere conforme alle richieste fatte dai docenti e/o dalla scuola.

2.                  L’ i-Pad è riconducibile all’alunno al quale è stato assegnato tramite codice seriale identificativo e verrà effettuata, prima della consegna, una configurazione d’Istituto; pertanto, non può essere scambiato con i compagni. E’ severamente vietato disinstallare i profili impostati dall’Istituto.

3.                  E’ vietato prestare ad altri studenti, anche compagni di classe, il proprio i-Pad. Ogni studente deve utilizzare esclusivamente il proprio.

4.                  Lo studente deve venire a scuola munito di i-Pad tutti i giorni

5.                  L’i-Pad deve essere caricato dallo studente, a casa, in modo tale che possa essere utilizzato a scuola senza cavi di alimentazione; si consiglia di caricare la batteria completamente (carica 100%) ogni sera.

6.                  E’ preferibile lasciarlo scaricare completamente ogni 40/50 giorni durante il week-end,

7.                  L’uso dell’ i-PAD in classe deve avvenire solo ed esclusivamente secondo le indicazioni dei docenti.

8.                  Durante le lezioni, il collegamento ad Internet, è disponibile solo ed esclusivamente per scopi didattici e non può essere utilizzato per fini diversi.

9.                  Lo studente deve avere cura dell’ i-Pad, sia a casa che a scuola e durante gli spostamenti da casa a scuola e viceversa. Ne risponde personalmente in caso di furto o di danneggiamento anche se dovessero verificarsi a scuola. Le eventuali riparazioni, a carico della famiglia, dovranno essere effettuate attraverso i canali ufficiali Apple.

10.               Nel momento in cui l’ i-PAD viene configurato a scuola verranno inibite alcune applicazioni, tra le quali: 

·      Game center

·      Fotocamera e condivisione immagini

·      App messaggi di Apple

·      Limitazione contenuti testi-musica video

11.               Il Dirigente Scolastico, i collaboratori del Dirigente e i docenti hanno la facoltà, in qualunque momento, di visionare il dispositivo e di accedere ai dati trattati dallo studente, comprese le navigazioni web ed altri archivi e potranno procedere alla rimozione dei files.

12.               In nessun caso l’alunno, durante il tempo trascorso in classe, può utilizzare l’ i-Pad per giocare, ascoltare musica, vedere film, scaricare applicazioni, salvo l’utilizzo a scopo didattico sotto la guida degli insegnanti.

13.               L’alunno (o la famiglia in caso di minore) si assume ogni responsabilità civile e penale per uso improprio del bene.

 

Il presente regolamento è valido anche nel caso in cui lo studente utilizzi un i-Pad di sua proprietà che verrà dunque configurato al pari degli i-Pad forniti dall’Istituto con la conseguente inibizione delle stesse applicazioni previste, con possibile inizializzazione.

Gli i-Pad personali dovranno essere profilati nei primi giorni di inizio anno scolastico, prima dell’istallazione dei libri di testo.

Si richiede la gestione di un back up periodico e regolare salvataggio dei quaderni di Notability. (iCloud)

 

Le violazioni al presente Regolamento saranno oggetto di provvedimenti disciplinari che, in base alla gravità, possono andare dal richiamo scritto sul libretto fino alla sospensione dello studente.

 

NORME GENERALI

 

1) L'Istituto definisce il calendario scolastico, tenendo come riferimento quanto stabilito dal Ministero e dalla Direzione Scolastica Regionale, utilizzando tutti gli spazi di autonomia permessi dalla normativa vigente.

 

2) L'Istituto, pur usando la massima vigilanza, non risponde di eventuali ammanchi o guasti a capi di vestiario, oggetti o libri appartenenti agli studenti.

 

3) Non sono consentiti scambi o vendite, distribuzione di volantini pubblicitari, affissioni di manifesti, senza previa autorizzazione della Presidenza.

 

4) Non è consentito ai genitori accedere ai corridoi delle classi e, tanto meno, alle classi stesse senza previa autorizzazione della Presidenza.

 

5) Non è concesso frequentare la scuola in carenza della documentazione di legge.

 

6) Non è concesso frequentare la scuola a chi non è in regola con i versamenti della retta scolastica

PRIVACY

 

Ai sensi del D.Lgs 196/2003 relativo al trattamento dei dati personali, l’Istituto, in qualità di titolare della protezione dei dati personali, informa che ai fini del corretto svolgimento dell’attività formativa e scolastica e ai fini dell’attività educativa propria di un istituto scolastico, le informazioni relative alla condotta, all’andamento scolastico e a tutte le relazioni in essere o future con l’Istituto Leopardi di coloro che sono maggiorenni o di coloro che lo diventeranno durante il percorso formativo, potranno essere in qualsiasi momento comunicate alla famiglia dell’interessato o a chi per essa.

 


***************************

Contatti

 

Posta elettronica:Istituto             info@istitutoleopardi.it

                        Segreteria         segreteria@istitutoleopardi.it

 

Sede di Via Arena, 13 – Telefono 0289403317 / fax

 

Scientifico             Preside                  valter.mion@istitutoleopardi.it

 

                        Segreteria         simone.bardozzo@istitutoleopardi.it

                       

Sede di Via del Carroccio, 9 - Telefono / Fax            0289405789- 02894059732

 

                        Segreteria         segreteria@istitutoleopardi.it

 

                        Preside             roberto.pasolini@istitutoleopardi.it

Ragioneria            Vice Preside         roberta.bozzi@istitutoleopardi.it

Europeo                Vice Preside         maria.pasolini@istitutoleopardi.it

 

Scienze umane    Preside             gianpiero.camiciotti@istitutoleopardi.it

 

Rettore                                             roberto.pasolini@istitutoleopardi.it

 

 

Segreteria

 

Orario di apertura della segreteria sede principale di Via del Carroccio 9:

 

-   per gli alunni:

  dal Lunedì al Venerdì dalle 10.00 alle 11.30

 

-   per il pubblico:

    dal Lunedì al Venerdì: dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17

     Sabato: dalle 9 alle 12

 

Sede di Via Arena 13

 

-Liceo Scientifico

 

-   per gli alunni:

     dal Lunedì al Venerdì dalle 10.00 alle 11.30

 

-   per il pubblico:

dal Lunedì al Venerdì: dalle 9 alle 12 dalle 15 alle 17 Sabato dalle 9 alle 12

 

Sede di Via Arena, 13

 

- Scuola dell’infanzia

- Scuola primaria

- Scuola Secondaria di primo grado

 

-   per il pubblico:

dal Lunedì al Venerdì: dalle 8.30 alle 12 e dalle 15 alle 16.30

Sabato: dalle 9 alle 12 (presso la sede di Via del Carroccio 9

Telefono / Fax       0289409732 - 0289405789)

 

 

Revisione settembre 2017