Intervento del Ministro Bussetti - Legge di Bilancio

Camera dei Deputati - 14 novembre 2018



Legge di Bilancio 2019, ecco le Novità per la Riforma della Scuola

PUBBLICATO IL 14 NOVEMBRE 2018

Nell’ultima bozza della legge di bilancio 2019 sono state inserite le norme che attueranno la Riforma della Scuola dal 2019 in poi, le novità riguarderanno in particolar modo il reclutamento dei docenti ed ovviamente le modalità con cui si svolgeranno i concorsi pubblici a partire dal nuovo anno, oggi il Ministro dell’Istruzione Bussetti è intervenuto alla Camera per illustrare le novità.

Legge di Bilancio 2019, ecco le Novità per la Riforma della Scuola

Oggi il Ministro dell’Istruzione Bussetti è intervenuto alla Camera dei Deputati per illustrare tutte le novità introdotte nell’ultima bozza della Legge di Bilancio 2019 e che riguardano la Scuola e le nuove provedure per il reclutamento dei docenti a partire dal 2019, il Ministro in particolare ha illustrato l’art.58 della Legge di Bilancio 2019 modifica il DL 59/2017 sul reclutamento dei docenti.

Vediamo di seguito quali sono le novità presentate dal Ministro oggi alla Camera e che riguarderanno il reclutamento dei docenti a partire dal 2019:

·         viene abrogato il FIT ordinario. Bussetti lo definisce “lungo e complesso”

·         il reclutamento sarà più snello, basato su posti vacanti ed effettivamente  disponibili

·         il concorso sarà bandito con regolarità per le classi di concorso e nelle regioni in cui ci saranno i posti vacant

·         partecipano anche i neolaureati (con piano di studi idoneo all’insegnamento e 24 CFU in discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche

·         non ci saranno idonei ma solo vincitori,  che avranno garantito il ruolo

·         Chi non vince acquisirà però l’abilitazione, anche ai fini dell’assunzione nelle scuole paritari

·         viene meno la chiamata diretta.

Ricordiamo che nei prossimi giorni dovranno essere esaminati gli emendamenti presentati e poi votati quelli giudicati ammissibili, per cui il testo finale della Legge di Bilancio (da approvare entro il 31 dicembre 2018) potrà essere anche diverso da quello conosciuto e presentato fino ad oggi.